RISULTATI BUSTO BATTLE IV 2013 PATTINAGGIO FREESTYLE INTERNAZIONALE

Save pagePDF pageEmail pagePrint page

Conclusa la classica sfida di pattinaggio internazionale denominata  “Busto Battle 2013”,  IV meeting di pattinaggio freestyle organizzato a Busto Arsizio per la WSSA sponsor SEBA. RISULTATI IN PDF: Results_BB_IV

Giannini Berti Igor Berti Busto Battle 2013 Pattinaggio FreestyleLe gare hanno avuto inizio Venerdì 27 Settembre e si sono concluse  Domenica 28 Settembre, nei giorni successivi si sono svolti corsi di perfezionamento al freestyle.

Tre giorni di pattinaggio freestyle di altissimo livello all’interno del Palacastiglioni, rinnova tensostruttura  di Busto in provincia di Varese.
Presenti tutti i più forti campioni d’Italia e d’ Europa in special modo gli atleti dell’Est arrivati in Italia per dimostrare la loro bravura e preparazione pronti per la grande kermesse di Novembre con il Campionato Mondiale di Taipei!

Grande successo del meeting a cui hanno partecipato ben oltre 100 atleti superando di gran lunga anche le presenze del recente campionato italiano di pattinaggio svolto sempre a Busto Arsizio nel mese di Luglio.

Giannini_Berti_Lebois_Berti_Farulli_Pattinaggio Freestyle Busto IV 2013

 

Partecipavano molti atleti di grande valore come l’atleta della società Acquario nonché  Campionessa Mondiale ed Europea di Speed Cristina Rotunno, il campione Europeo di Style e Battle il Francese Romain Lebois, la campionessa Europea di Style e Style Battle la Russa Daria Kunetzova, il campione Europeo di Speed Simone Nai Oleari e con loro partecipavano la vice-campionessa mondiale di speed Barbara Bossi.
Ma non erano i soli, si erano ritrovati a Busto atleti del calibro di Chiara Lualdi Campionessa Italiana di speed slalom, Valeria Raccuglia la campionessa italiana di style slalom, Davide Piacentini  campione italiano di speed slalom ed l’astro nascente del freestyle il fortissimo campione Italiano di style slalom Nicolas Quiriconi.

Granjon Kunetzova Farulli Berti Hartmanis Sulinowsky Pattinaggio FreeStyle Busto Battle IV 2013Però come vedremo dai risultati il pattinaggio non permette ai campioni di rilassarsi nemmeno un attimo.

Classic Style Slalom:

Il primo giorno gareggiavano i maschi per la disciplina classic style slalom ed alla gara erano iscritti oltre 50 atleti.
In questa speciale classifica di style  l’Acquario si presenta molto competitivo con due elementi di spicco e promesse del freestyle come Nicolas Quiriconi e Andrea Rotunno.
Come sappiamo è la disciplina in cui il pattinatore esegue una serie di passi e triks tra tre file parallele di coni a tempo di musica per 90 secondi, diversamente dalle regole italiane il tempo non è indicato ed il pattinatore concluso lo style deve fermarsi autonomamente, al termine avviene voto dei giudici che indicano anche  la classifica relativa, i primi tre atleti si siedono sulla mitico pattino gonfiabile gigante in attesa dei risultati dello style degli altri concorrenti.
Podio Style Classic Busto Battle 2013 Guslandi Sulinowsky Lebois Claris QuiriconiFavorito il pluricampione Lebois che si presentava con una nuova coreografia di style in previsione del campionato mondiale, ma appunto avversari di gran talento si opponevano, come l’estroso polacco Michael Sulinowsky, i francesi e compagni di squadra Igor  Cheremetieff e Claris Alexandre mentre tra gli italiani favoriti i più forti del momento Nicolas Quiriconi e Tiziano Ferrari. In seconda fascia e papabili anche per un posto sul podio ma ben considerati  i giovanissimi Lorenzo Guslandi e Andrea Rotunno.
Terza fascia e scommesse del pattinaggio, l’italiano Roberto Rosato,  lo spagnolo Carlos,  il russo  Tsokolov ed il francese Thierry.
Fin da subito però appare chiaro che vinceranno solo i più fluidi nei movimenti, precisi nell’esecuzione rispetto alla base musicale, da parte sua il pubblico premia a suo modo con grandi applausi ed incitamento anche i più piccoli che si impegnano in maniera eccezionale nonostante il grande divario tecnico e l’emozione che spesso blocca le gambe.
Classic Style Slalom Maschile Classifica finale Busto Battle 2013Alla fine c’è una doppia sorpresa vince il Polacco Michael Sulinowsky atleta che adesso è veramente in grande forma. Si posiziona secondo una delle grandi promesse italiane,  allievo di Tiziano Ferrari,  l’estroso e giovanissimo Lorenzo Guslandi. Terzo il campionissimo Romain Lebois che però non convince completamente con uno style completamente rinnovato ed una musica che probabilmente non adatta a lui, nonostante questo è

sempre il beniamino del pubblico e si capisce bene dagli applausi a lui riservati.
Quarto il francese Alexandre Claris sempre ottimo e continuo e in crescente miglioramento. Quinto il freestyler italiano per eccellenza Nicolas Quiriconi anche lui beniamino del pubblico che esegue uno bellissimo style in cui manca solo il tocco finale negli ultimi secondi per aggiudicarsi l’evento.
Fuori dal podio per un soffio il russo Tsokolov e Cheremetieff che commettono troppe penalità. Ottima la gara di Andrea Rotunno 11° davanti rispettivamente a Tiziano Ferrari e Roberto Rosato.

Style Classic Bustobattle IV 2013 femminileSeconda gara della giornata era lo style slalom femminile, evento anche questo di grande rilievo con la presenza di oltre 50 atlete provenienti da tutto il mondo!  Favoritissime la russa Daria Kunetzova , le polacche Hartmanis e Prucnal, le Ukraine Boiko e Komarchuck. Per le italiane si presentavano in gare ed in grande forma Valeria Raccuglia, seguita da Barbara Bossi, Chiara Lualdi e Cristina Rotunno.

A provare a dar noia Barbara Codazzi, Federica De Sensi e Camilla Morbidoni, queste ultime due giovanissime promesse avevano fatto veramente molto bene al Campionato Europeo di Varsavia.

foto Celat.

Classic Style Slalom Femminile Classifica finale Busto Battle 2013Gara molto bella con emozioni a non finire, con Federica De Sensi seduta sullo scarpone SEBA per quasi tutto il tempo a dimostrazione dell’eccellente style prodotto, verrà scalzata solo all’ultimo momento, giungendo 7°.
Vince lo Style classic la russa Kunetzova Daria dominando la scena con una fantastica esecuzione. Seconda per un soffio grazie alla sua precisione Hartmanis Klaudia. Terza a causa dei malefici 4 coni abbattuti Boyko Maryna.A seguire 4° la bella ed elegante Komarchuck Ksenja e 5° la simpaticissima e bravissima Grandjon Zoe un pochino troppo sprecisa rispetto al solito.
Per le italiane ottima come detto De Sensi, segue la Bossi 8°, Lualdi 13°, Morbidoni 14°,per la Raccuglia solo il 15°, Cristina Rotunno 16°.

 


La pattuglia femminile dell’Acquario agli ordini dell’esperta  Antonella Carpanese comprendeva anche le giovanissime Berti Gomathi 34°, Giannini Eleonora 35°, Berti Gaia 36° e una sfortunata Chiara Farulli che giungerà solo 39° con ben 12,5 punti di penalizzazione ….infatti il suo slalom entrerà nel guinness dei primati con un’esecuzione di ben 2′ 45′ minuti di style slalom, 1 caduta e 13 coni abbattuti, comunque visto i passi che ha fatto avrà modo di rifarsi in futuro…magari con un orologio al polso!! da segnalare che il maggior numero di coni abbattuti ( -0,5 pt di penalità ognuno) è stato fatto dalla simpatica francese Granjon Lily 19° anche lei con 14 coni giù. Che coppia queste due ..chissà se hanno mai pensato ad uno style di coppia.

Il giorno successivo si sono svolte le gare di velocità e le Battle Style.

Speed Slalom:
Lo speed slalom era molto atteso dal pubblico in quanto i migliori velocisti del mondo sono proprio i pattinatori europei ed in particolare quelli italiani!

Podio Speed Slalom  Busto Battle 2013 Araujo Brivio Claris PiacentiniPer il maschile gli atleti da battere erano due Simone Nai Oleari  e Diego Araujo ! rispettivamente Campione e Vice-campione Europeo.

Recuperato in extremis dall’infortunio Savio Brivio, la pallottola umana, ricordo il suo record di 4’18  realizzato proprio l’anno scorso alla Busto Battle.

Molti altri forti atleti erano in agguato, alla finestra c’era anche un certo un Davide Piacenti ultimamente in gran spolvero con la vittoria ai campionati nazionali 2013 di speed.

Da verificare era anche lo stato di forma di Tiziano Ferrari in progressivo recupero dopo il problema alla caviglia e la prestazione di Nicolas Quiriconi sempre tra i primi in style ma a volte meno preciso in speed nonostante la sua grande velocità.

Le qualifiche indicano che l’Italia ha i migliori atleti ,infatti  è subito prima con Nai Oleari fa segnare  il miglior tempo di qualifica con 4’40” seguito da Savio Brivio 4’65” ed il francese Claris 4’75”.
Speed Slalom i 16 Finalisti Busto Battle 2013Le qualifiche però portano in finale due speeder come Savio Brivio e Diego Araujo.
Savio era riuscito a battere Piacentini in una gara al cardiopalma decisa solo all’ultimo centesimo, mentre Araujo eliminava il francese portandosi in finale.
La finale vedeva subito Brivio 1-0 e sembrava fatta, Araujo però si posizionava nella sua classica partenza a “pungno chiuso” ben concentrato e riusciva a strappare il pareggio 1-1. Ormai i pattinatori decidevano la vittoria solo in base ai nervi. La finalissima vede arrivare entrambi sulla linea del traguardo e solo il cronometro decideva il vincitore era Savio Brivio! Bravissimi e velocissimi.
Risultato comunque ottimo, tre italiani ed un francese tra i primi 4.
Per lo speed femminile tutti guardavano con ammirazione la campionessa mondiale Rotunno Cristina e la sua vice Barbara Bossi, la domanda era sempre la stessa a chi toccherà questa volta?
Cristina Rotunno Busto Battle IV 2013

Le qualifiche però presentavano una sorpresa,  Giulia Badan prima con 5’13”, seguita dalla Bossi 5’15”, dalla Rotunno 5’25e dalla Lualdi 5’31 e da un’altra sorpresa Moretto Elena con 5’33”…prima delle straniere solo la veloce polacca Hartmanis 5’34”…dietro tutte le altre.

Per le altre giovanissime atlete dell’Acquario ottima la prestazione di Matilde Battistini 12 anni 21° con 5’73”, Berti Gaia 12 anni 26° con 5’83”, Chiara Pollastrini 12 anni 30° con 5’87”, Berti Gomathi 14 anni 33° con 6’06”, Bevacqua Alice 14 anni 35° con 6’24”, Farulli Chiara 13 anni 40° con  6′,66”, Giannini Eleonora 13 anni 41° con 6’90”.

 

Nei sedicesimi di finale vanno ben 11 italiane, 3 polacche e 2 francesi. Lo speed è come la pizza, si può dire la specialità italiana!

Le qualifiche successive sono disputate solo sui nervi ed i tempi ne risentono alzandosi paurosamente , fuori Moretto, Badan, Lualdi, Czapla, Prucnal, Granjon Zoe e Puricelli.
Per le semifinali restano in gara solo le più determinate,  le atlete a cui le gambe rispondono ancora.
Resta Cristina Rotunno, Barbara Bossi e due simpatiche e giovanissime sorprese come Federica Bertelli e la francese Grandjon Lily!! In sintesi un’ottima gara di speed veramente di grande interesse.

Speed Slalom femminile i 16 Finalisti Busto Battle 2013

In finale volano però solo due pattinatrici e sono : Bossi e Granjon , vince così Barbara Bossi , seconda Granjon Lily, terza Cristina Rotunno e quarta Federica Bertelli.

Ricordo che i tempi di gara sono notevolmente più bassi del normale perché la partenza non è avviata dall’arbitro ma bensì autonoma.

 

 

Podio Speed Slalom Busto Battle 2013 Granjon Bossi Rotunno Bertelli

Rivedremo presto queste fortissime e nostre italiane ai campionati mondiali di Taipei , la sfida è partita.

Per i campionati mondiali sono già state inviate le convocazioni nazionali e Cristina Rotunno, Barbara Bossi e Chiara Lualdi potranno dire la loro a Speed ! Per i maschi dovrebbero essere in 5 i convocati, puntando tutto sempre per lo speed grazie ad atleti come Nai Oleari, Brivio, Ferrari, Piacentini e Guslandi.

 

 

 

Per le Battle Style gli iscritti sono così tanti che occorre effettuare anche una prequalifica utile ad ottenere il numero giusto di gironi ed è stato bello vedere anche le più piccole impegnarsi nei passi “per loro” difficili a tempo di una musica che non conoscono!

QUALIFICHE_BUSTO_BATTLE_STYLE_2013

Come sappiamo la Battle Style gli atleti sono divisi in gruppi di quattro di cui passano solo i primi due, i gara le linee di coni sono 4 invece che 3 e l’atleta deve effettuare due run di 30 secondi, scanditi da un cronometri che indica loro il tempo. In quelle run la musica è casuale e il pattinatore deve adeguare il suo style alla nuova base musicale imponendo i suoi passi migliori.

In Italia questa disciplina è stata inserita dalla FIHP nel 2013 tra quelle nazionali ma purtroppo non è ancora stata mai introdotta per cui i nostri atleti sono in “ritardo” rispetto a quelli europei o mondiali che ormai la praticano da diversi anni.

Per la style battle maschile:
Così nelle qualifiche avviene una selezione durissima e solo 6 pattinatori riescono ad accedere ai sedicesimi di finale! Si qualificano ovviamente i più dotati, quelli che riescono a sviluppare passi di qualità senza conoscere la base, qui la classe si vede.

Per l’Acquario si qualificano Nicolas Quiriconi e Andrea Rotunno, per l’Anpi Ferrari Tiziano, Lorenzo Guslandi e Matteo Allegrini, poi una “sorpresa”  il giovane Lorenzo Demuru dell’Astroskating che al pari di Rotunno e Guslandi si fa notare.
Style Battle Bustobattle IV 2013Per gli atleti internazionali ovviamente i francesi si qualificano in blocco, il campionissimo Lenbois, il compagno Claris, il bravo Thierry, naturalmente Cheremetieff ed anche un ottimo Menard. I russi sono presenti in finale con la coppia dei bravissimi Islamov e Tsokolov. La spagna con il solito Marcos. Entra nei sedicesimi anche il bulgaro Shultan,  ottimo elemento e ovviamente il polacco Sulinowsky unico vero alter-ego di Lebois.
Questi sono i 16 più forti pattinatori d’Europa ci possiamo stare.
In finale arrivano 2 francesi, un polacco ed un italiano, Lebois, Sulinowsky, Claris e l’estroso Guslandi.
Vince la finalissima di battle senza rivali, il fancese Romain Lebois troppo forte e troppo preparato per gli altri con il suo christi-seven ed altri passi da campione.

Per la style battle femminile:

In questa categoria l’Italia è in questo momento un gradino più in basso rispetto all’Europa, le ragazze sono bravissime in speed ma molto meno preparate per la Battle Style e si vedono poi i risultati quasi sempre ad appannaggio delle ragazze dell’Est a cui questa disciplina calza a pennello.
tyle Battle Bustobattle IV 2013 femminileComunque nelle sedici finaliste arrivano 5 italiane con Bossi, Lualdi, De Sensi, Morbidoni e Masi, restano fuori le altre stylers di pregio come Rotunno, Raccuglia, Codazzi, Badan e Venco, atlete che in Italia fanno spesso la differenza trovano poi grande difficoltà nella Battle.
Per le atlete internazionali passano quasi tutte le polacche con ben 6 elementi di cui 4 arriveranno tra le prime otto!, sicuramente in Polonia c’è una gran bella scuola di style, passano ai sedici atlete di gran classe come Hartmanis, Prucnal Agelika,  le sorelle Czapla e la Bednarska.
Per l’Ukraina passano in 3  ma sono le più forti e terribili, le sorelle Boyko e la Komarchuk.
Dasha Kuznetsova Pattinaggio Freestyle Busto BattlePer la Francia è in finale solo la brava Granjon Zoe , lei è sempre lì a dare noia alle grandi. Naturalmente la Russia  rappresentata dalla fortissima Kuznetzova, la Daria pattina per vincere e si vede, bravissima.
La finale però è un’altra cosa, la rossa Boyko è una pattinatrice di grandissima tecnica e forza, in questa finale lo dimostra vincendo.
Prima Boyko, seconda Kuznetsova, terza Klaudia Hartmanis , quarta Grandjon Zoe.
Per la gara di SLIDE,
Per le femmine vince come sempre l’imbattibile russa Olga Fokina, seconda l’ukraina Boyko Margarita, terza la polacca Prucnal Angelika, quarta ad un soffio dal podio Chiara Lualdi.
Per i maschi i russi occupano le prime posizioni con Kirill Riandzatzev e Tsokolov Alexey, terzo Cheremetieff Igor e quarto lo sfortunato Roberto Rosato.
Si sfortunato non per le gare ma proprio per l’infortunio che ha dovuto subire durante la preparazione alle gare, infatti è successo quando provava lo speed in corsia di allenamento, per evitare alcuni pattinatori è scivolato ed appoggiandosi con la mano si è fratturato il polso. Buona Fortuna Roberto!
Foto fasi della Gara di Tiphanine

foto di Tiphanine

RISULTATI IN PDF: Results_BB_IV

Prossima tappa T-A-I-P-E-I!

Precedente 10 NOVEMBRE 2013 TRIANGOLARE DI HOCKEY IN LINEA A LIVORNO E DIMOSTRAZIONI FREESTYLE Successivo PORCARI FESTA DELLO SPORT 2013 PATTINAGGIO IN LINEA ED HOCKEY

Lascia un commento

*