FIHP – RISULTATI SPEED E BATTLE CAMPIONATO REGIONALE TOSCANO PATTINAGGIO FREESTYLE

Save pagePDF pageEmail pagePrint page

Si è svolto il 17 Aprile il Campionato Regionale di pattinaggio freestyle 2016 per le discipline di  Speed Slalom e Battle Style a Lucca. Risultati.

Speed Slalom 2016 - Moscatelli RotunnoL’occasione ghiotta e da non perdere, in palio le qualifiche per le finali nazionali delle specialità di speed e Battle, impegnate 3 società freestyle, L’ACQUARIO, il LUCCAROLLER ed il VADA PATTINAGGIO.
L’Acquario arrivava a Lucca con un esercito di ben 38 atleti atleti molto agguerriti e seriamente determinati alla vittoria finale guidati dalla condottiera, la terribile Antonella Carpanese, con le sue tre istruttrici Carolina, Cristina e Chiara.

Ma anche le altre squadre non arrivavano senza mordente, il LUCCA ROLLER rispondeva con la loro nuova allenatrice Ilaria Zanobini che da quest’anno ha dato una svolta al sistema del pattinaggio istituendo il famigerato team della “Squadra Rossa” composto da 14 preparati atleti desiderosi di dar battaglia, ma non ultima il VADA PATTINAGGIO pattuglia di 6 famosi atleti conosciuti per l’allenatore Luca Ulivieri che ha plasmato la loro classe cristallina.

Gara FIHP 2016 Pattinaggio Speed 17 Aprile Lucca - Berti Bevacqua Farulli Podio
Bevacqua Berti Farulli

In campo ben 3 nazionali italiani che, se ce n’era bisogno, dovevano dimostrare la loro forma fisica e la loro capacità di far risultato in vista dei campionati Italiani e delle preselezioni nazionali, si trattava della pluridecorata campionessa Cristina Rotunno, Andrea il vicecampione-mondiale di Coppia con Quiriconi e la promessa dello speed Berti Gomathi. Non potevano fallire.

Per la categoria Seniores maschile, c’era il piacevole rientro di Daniele Moscatelli che doveva dimostrare solo lo stato di forma ottenuto fino al momento a causa di un brutto stop di un paio di mesi, mentre per il seniores femminile l’eterna sfidante Zanobini aspettava al varco Cristina.
Negli Juniores maschili Franco vedeva come avversario un determinato Gelmi, nello juniores  femminile massima incertezza con almeno 5 atlete per un podio. Le sfidanti della Berti erano pattinatrici della sua stessa squadra Alice Bevacqua e Elena Mastrolia, seguivano Farulli e Giannini.

Per gli allievi femminili occhi puntati sulle stelle nascenti, le sorelle Paoli vere promesse del pattinaggio, che già alle gare UISP avevano vinto a man bassa con tempi ultraveloci, pronte a sfidarle per un podio Chiara Pollastrini e Berti Gaia, possibili ousider Vinci e Lorenzetti. Sorprese previste anche per la partecipazione Vezzani, Bernicchi e Battistini.

Nei ragazzi femminili e tutte pronte a sfidare la potente Tei e la sorprendente Ramacciotti, nessuno sembrava in grado di batterle, almeno sembrava.

Gara FIHP 2016 Speed 17 Aprile Lucca - Campo di Gara FMMa l’attenzione non era solo per loro, anche per le categorie Esordienti e Giovanissimi si trattava di un test in attesa del Trofeo Tiezzi che si disputerà ad Acireale, provincia di Catania, tra il 13 ed il 16 ottobre 2016, erano da verificare le promettenti promesse come la Marinari,  la Mastromei o la Cimino pronte a sfidare la velocissima Savin. Nei maschi Battistini contro i fratelli Del Re derby dei piccoli.

Per la categoria esordienti tutto sembrava semplice per le imbattibili sorelle Doveri, o una o l’altra sembrava destinata al podio, e solo dei terribili e sorridenti folletti poteva metterci lo zampino…chissà.
Alle gare dunque.

La gara dei Seniores Maschile: tempo di qualifica per gli italiani 5’00
Come detto Daniele Moscatelli in debito di allenamento era contro tutti i pronostici in gara ma soprattutto contro la furia Andrea Rotunno. Inizia la gara e parte subito male Daniele che sbirilla totalmente la prima run lanciando malamente i coni persino fuori dalla pista, Andrea invece è al top 4’81 netto! senza storie.
Seconda run, Moscatelli determinato parte bene si lancia ed entra per primo nei coni, ma prima dell’ultimo cono e dell’arrivo Rotunno mette il turbo anche se volano alcuni coni , sembrava fatta per Daniele ma si vede sorpassare sul filo della fotocellula! 4’35 + 3 coni per Rotunno e 5’12 + 3 coni per Moscatelli. Gara da brividi che finisce tra gli applausi ed un abbraccio . Finale senza storia primo Rotunno, argento per Moscatelli ma con un tempo veramente eccellente sul filo del 5 netti.

Campionato Regionale Pattinaggio freestyle Zanobini Rotunno AgostiniLa gara dei Seniores femminile: tempo di qualifica per gli italiani 5’30
Presenti l’immensa Cristina, la determinata Ilaria, outsider Agostini del Vada.
Niente da fare per nessuno, persino nelle qualifiche Cristina parte a razzo 1° run 4’72 + 1 cono, 2° run 4’60 + 1 cono tempo finale 4’80 . Solo Zanobini tenta di tenere il passo ma con il suo 5′ 36 sembra senza speranze ed appare demoralizzata, Rotunno è veramente imprendibile.  Agostini inerme.
Ma il KO della finale può riservare sorprese, il carattere della Lucchese Ilaria si fa sentire soprattutto visto che gareggiava in casa. 1° run partenza via! Ilaria e Cristina restano sempre spalla a spalla ed arrivano! STOP! tutti ad aspettare il tempo,  tutti aspettano lo speaker per conoscere i tempi , eccolo: Cristina 5’63 Ilaria 5’68 1-0, solo 5 millisecondi le separano .
Seconda run Zanobini sente di avere una chance e da il tutto per tutto, buttasi a tutta tra i coni e superando Cristina, più concentrata ma apparentemente lenta, sembra fatta per la Zanobini …ma zac, zac, zac volano tre coni, Ilaria così rallenta ed ottiene solo 5’66 + 3 , Cristina controlla 5’35 +1 . 2-0 E’ tripudio per entrambe le atlete. Cristina Vince.

La gara Juniores Maschile: tempo di qualifica per gli italiani 5’20
Presenti i due atleti più amati dal pubblico femminile, il fine playboy Franco e il potente e muscoloso Gelmi.
Sembra una sfida senza storia, Franco è sempre stato il più veloce.
Iniziano le qualifiche, il volto di Gelmi è glaciale, Franco sorride agli sberleffi ed agli applausi delle ragazzine assiepate alla ringhiera. Inizia Diego, veloce elegante 4’77 ..ma + 2 coni 5’17, Tocca a Dennis è veloce ma ..spreciso 4’88 + 4 coni rischia molto.Franco sembra soddisfatto qualifica ottenuta per gli italiani.
Seconda run, Dennis questa volta prima di partire si gira e lancia uno sguardo di sfida amichevole a Diego.
Parte è come un fiume in piena, preciso 5,0 netto! Parte Diego ma la seconda run è da dimenticare.
Finale al KO, 1° run completamente sballata per Franco, deconcentrato,  1-0 per Gelmi. Diego si rifà però nella 2° dove questa volta sbaglia Gelmi. 1-1.
Ultima run Diego saluta tutti sorridente ormai sembra fatta è lui il più veloce, Gelmi invece è come un guerriero, vuole vincere.
Partono insieme, sempre fianco a fianco, e…arrivano entrambi insieme sul primo cono e restano spalla a spalla per 16 coni. Spalla a spalla ultimi 4 coni…le ragazze urlano Diego vinciii!! lui allora è avanti e spinge un pelo di più del possibile e…. tutte le ragazze ottengono il trofeo un cono per una di loro, ben 4 ne saltano fuori dalla run. Gelmi è di ghiaccio invece 2-1 per lui 5’44 netto. Campione regionale Gelmi. Diego si accontenta degli abbracci e dei baci.

La gara juniores femminile: tempo di qualifica per gli italiani 5’40.
Tutte le previsioni della gara sono per Gomathi che deve difendere il podio UISP e la maglia azzurra. Non è facile.
Iniziano le qualifiche Alice Bevacqua è un razzo 5’10 netto, ma risponde seconda Berti Gomathi 5’13 ma senza forzare e anche Elena Mastrolia è veloce e piazza il 5’16 netto, tutte vogliono vendere cara la pelle.
Per la quarta piazza valevole per la finale,  la Giannini rende tutto più facile, si distrae e salta due coni 5’63 + 2.
La sfida rimane tra Farulli Chiara rientrata dopo un lungo stop di oltre tre mesi e la stellina del Lucca Moni Linda. Moni è veloce, molto veloce, si infila tra i coni e con una run netta piazza un 5’52 ! è un bel tempo e non sembra alla portata di Chiara che non ha ancora nelle gambe abbastanza allenamento. Le compagne della Moni del Lucca Roller esultano sembra fatta, alla Moni ormai dicono “sei nel KO finale a meno di un miracolo”. Parte l’ultima run di Chiara che è il nome di una famosa Santa, si prepara al via , per un attimo osserva prima Alice, poi Elena e ed infine fissa Gomathi, cerca coraggio, Gomathi  impassibile le fa un lieve cenno col capo, che significa “puoi farcela baby vai!”.
Partenza lenta per Farulli, entra nei coni ma e poi miracolo! la velocità aumenta sempre più ma scorre i cronometro, la Moni osserva attenta e pensierosa, la Farulli spinge ancora ed arriva! la run è netta è veloce.  Shhh Un attimo di silenzio nel pubblico. Poi la comunicazione dello speker “5 e 508”, tutti dicono come 5’58 ? o 5’508 ? “nono confermo 5’508!” Farulli. Quattro atlete dell’Acquario in finale, si riforma il mitico quartetto dello speed dopo tanto tempo:
Bevacqua, Berti, Mastrolia e Farulli.
Semifinali facili per Bevacqua e Berti che liquidano senza pietà le compagne per la loro finale personale.
Terzo e quarto posto tra due guerriere di altri tempi, la bionda vichinga Farulli contro la mora mediterranea Mastrolia. Prima run Farulli parte forte 1-0. Seconda run Elena si riprende la rivincita 1-1. Ultima run per il bronzo, parte veloce Mastrolia è prima sul primo cono, Farulli sembra più lenta ma molto determinata in volto, vuole restare precisa non vuole fare errori e si vede. Elena sta per arriva ma ..accade l’imponderabile due coni saltano! ha spinto troppo, arriva Farulli netto 1-2 . Farulli è di bronzo.
Per la finale, Berti – Bevacqua. 1° run partono insieme ed arrivano quasi insieme, entrambe con un cono di penalità Berti 5’76 , Bevacqua 5’88.  1-0 per Berti. 2°run Alice sembra sul punto di superare Gomathi run netta per entrambe. Berti 5’80 e Bevacqua per 3 millesimi 5’83. 2-0 Berti la nazionale ti aspetta sei la più forte…per adesso.

La gara Allievi maschile: Tempo di qualifica per gli italiani 5′ 60
Vince in solitario Mirco Casini 5’54 sotto gli scroscianti applausi del padre che per fortuna viene trattenuto dalla moglie nel tentativo di saltare la ringhiera che delimita la pista ed abbracciare il vincitore!!

La gara Allievi femminile: tempo di qualifica per gli italiani 5’80.
Gara tra le più difficili della specialità, ben 10 atlete pronte a darsi battaglia a suon di speed !!!!
Questa categoria però ha due promesse le sorelle Paoli, qualifiche sono in salita per tutti, dopo la prima tornata di prove Paoli Sofia 5’29 era già irraggiungibile e la sola Pollastrini le stava dietro con 5’44 poi Paoli Elisa con 5’59, seguivano Battistini 5’67  e Berti Gaia con 5’69 poi ..tutte le altre dietro. Sfiora la qualifica nazionale la Vinci con 5’70 ma poi l’irruenza la frega e saltano 4 coni! e deve riprovare una seconda volta, parte male Vezzani addirittura con un nullo.
2° run, atlete visibilmente preoccupate sia dello strapotere di Sofia che della possibilità di qualificarsi per gli italiani, occorre scendere sotto i 5’80. Sanno già che sarà dura. l’Istruttrice dell’Acquario Castagni le sprona e chiede loro di spingere !!! Ulivieri del Vada consola la Martelloni  e le spiega di stare calma. La Zanobini non dice nulla è già tutto a posto. Facile.
Partono. Pollastrini 5’47 è ottima, ma Paoli Sofia migliora e fa segnare un 5’40. Vezzani 5’98 fuori. Berti Gaia 5’40 a per 2 millesimi è terza. Vinci parte bene è veloce …nooo sbirilla i coni e finisce male la serata. Bernicchi nonostante l’incitamento della madre spinge e fa segnare 5’70 è fatta? noooooo dal controllo un cono è fuori posto ! 5’93 e mancata qualifica anche per lei. Battistini Nullo. Lorenzetti super fast segna un 5’46. Martelloni lenta. E in finale la maglia rossa di Sofia Paoli sfreccia davanti al cronometro e fa segnare 5’11 ! record!. Passano in finale Paoli, Paoli, Berti Gaia, Pollastrini, due maglie rosse contro due acquarii.
Si va alle semifinali. La Pollastrini è tesa si vede se la vedrà contro Sofia e cerca conforto, ma gli sguardi vicini non dicono nulla di buono e finisce infatti 2-0. La seconda semifinale è più combattuta sono alla pari tra Paoli Elisa e Berti Gaia…1-0 Berti che spinge al massimo ma finisce anche la benzina e le successive due run sono a favore di Sofia 2-1 Paoli.
Terzo/Quarto posto Berti – Pollastrini vale il bronzo. Le ragazze sono sfinite, gara lentissima sempbra che nessuno di loro voglia prendersi rischi nella prima run la Berti fa segnare un 7,09 a causa di 4 coni…1-0 Pollastrini. Poi si rifà tentando il tutto per tutto ed approfittando di un errore in partenza della Pollastrini 1-1. Chiude la Gara Chiara 2-1 con una run netta e di controllo 6’20….Berti è più veloce ed è davanti ma è imprecisa nei coni con 6’47 . Pollastrini Bronzo.
Finale tutta Paoli . Ma qui accade l’incredibile Elisa è troppo stressata e non riesce a più a concentrarsi ..l’emozione della gara ha il sopravvento si vede bene. Sofia invece dal canto suo sorride già sotto sotto, sa come deve affrontare la sorella…2-0 Paoli Sofia ORO.

La gara Ragazzi Maschile: tempo di qualifica per gli italiani 6’30.
Ottima gara disputata in tre, si impegnano alla grande.
Alla fine la spunta Zambonini che piazza prima un 6’47 in qualifica piazzandosi primo e poi vincendo il KO finale contro Cosentino 6’58, contro il suo  6’25. Palazzesi terzo 7’06.

Campionato Regionale Pattinaggio Freestyle Battle Style 2016 Bernicchi Pollastrini Romani
Bernicchi Pollastrini Romani

La gara Allievi femminile: tempo di qualifica per gli italiani 6’40.
Ben 10 pattinatrici al via della gara e tutte motivate. Le gare però sono sempre ricche di sorprese e questa volta il Vada Pattinaggio ha prevalso con la grande promessa Abbatecola che prima piazza un tempo eccellente e poi va a vincere il KO contro la TEI. Oro Abbatecola , Argento Tei, Bronzo Ramacciotti.
Abbatecola 5,55
Tei 5’72
Ramacciotti 5’96
Lencioni G. 6,02

Pattinaggio Freestyle Battle 2016 Risultati Campionato Regionale Toscano
Gara FIHP 2016 Speed 17 Aprile Lucca - I genitori pranzo FM
Gara FIHP 2016 Speed 17 Aprile Lucca - I genitori FM Gara FIHP 2016 Speed 17 Aprile Lucca - I genitori Attesa FM

Precedente IL CT AZZURRO E IL PRIMO ELENCO DEGLI ATLETI DI INTERESSE NAZIONALE Successivo FIHP CAMBIATO IL REGOLAMENTO DI AMMISSIONI AGLI ITALIANI FREESTYLE PER SPEED FREE JUMP E HIGH JUMP

Lascia un commento

*