FIHP CAMBIATO IL REGOLAMENTO DI AMMISSIONI AGLI ITALIANI FREESTYLE PER SPEED FREE JUMP E HIGH JUMP

Save pagePDF pageEmail pagePrint page

La federazione FIHP ha deliberato un nuovo criterio per la partecipazione ai campionati italiani assoluti di pattinaggi freestyle di Busto 2016,  saranno ammessi tutti gli atleti che sono saliti sul podio e che hanno conquistato una medaglia ai campionati regionali di speed, free jump e high jump e forse anche alle altre. Aggiornata al 7 giugno.

Michele Grandolfo Consigliere FIHP
Michele Grandolfo Consigliere FIHP

La decisione era nell’aria, il consiglio federale su suggerimento dell’attivo Consigliere Grandolfo ha modificato il regolamento delle Norme freestyle 2016 per le qualificazioni al campionato Italiano di pattinaggio con la Delibera del Consiglio Federale N. 68/2016 del 28/4/2016 .

9 – Modifica Norme Freestyle 2016 Il Consiglio Federale, esaminata la proposta del Coordinatore del settore Freestyle Michele Grandolfo relativa ad un’integrazione da apportare alle Norme per l’Attività Freestyle 2016, preso atto che, a supporto di tale modifica, il sig. Grandolfo argomenta la possibilità di accesso ai Campionati Italiani, non solo dei campioni regionali ma anche del 2° e del 3° classificati, a prescindere dal superamento delle soglie per questi atleti dei podi, ravvisata pertanto l’opportunità di procedere con tale integrazione alle Norme, ha deliberato, per le motivazioni in premessa indicate: • di accogliere la proposta del sig. Grandolfo; • di integrare l’art. 7 delle Nome per l’Attività Freestyle 2016 come da testo pubblicato sul link http://www.fihp.org/freestyle/regolamento-disettore.html

Articolo modificato all’interno del regolamento , rispetto alla delibera parla solo delle discipline Speed, Fj e Hj, invece appare volontà del consigliere dare questa possibilità anche ad altre importanti discipline come  RollerCross, Battle, Slide e Style Slalom staremo a vedere:
Art. 7  comma  f) In ogni caso, nelle specialità del free jump, del high jump e dello speed, vengono ammessi i primi tre atleti classificati ai campionati regionali, che abbiano o no superato le soglie minime di accesso.

Viste le nuove Norme di Attività 2016 Freestyle – art. 7 punto 3 Prontuario della Attività Agonistica – Criteri di Ammissione dal Campionato Regionale al Campionato Italiano approvate dal C F con delibera n. 19 del 30 gennaio u.s., la CdS Freestyle ha deliberato di aumentare la percentuale degli iscritti al Campionato Italiano 2016 per le discipline Style Slalom Singolo e Battle per tutte le CATEGORIE così articolato:
– Ammissione di tutti gli atleti che hanno conquistato il podio per tutte le Categorie con iscritti fino a 5 atleti ai Campionati Regionali;
– Ammissione del 50% per tutte le Categorie dai 6 atleti in su iscritti ai Campionati Regionali.

Queste discipline, dopo il cambio di regolamento del 2016, consentono la qualificazione all’atleta come segue:
– Free Jump, High jump e spees in base all’altezza del salto o al tempo di qualifica oppure i primi tre atleti.
– Roller cross la qualifica è rimasta 50% secco.
– Style e Battle in base alla metà ( 50%) degli atleti in gara se sopra 6 iscritti, tutto il podio se 5 iscritti.

Il  cambio di regolamento del 2016 fu subito accolto con favore dagli allenatori, anche se alcuni si domandavano se non fosse necessario modificare anche la modalità della gara stessa concedendo più prove agli atleti in gara.
Se analizziamo bene, free jump e high jump hanno tre prove per poter ottenere il salto utile alla qualificazione nazionale mentre per lo speed ci sono solo due prove di  qualifica a partenza libera.
Inoltre se un atleta per un malanno, un infortunio o un momento di particolare stress psico-fisico potrebbe non riuscire in un’unica giornata, e in sole due prove ravvicinate a centrare l’obiettivo della qualifica, anche se questo atleta è di valore.

Questo fa perdere morale all’atleta e non consente di poter avere alle finali nazionali elementi di qualità da valutare in previsione azzurra. In sintesi manca una seconda possibilità.

Il consiglio federale infatti ha constatato che molti atleti nonostante fossero saliti con merito sul podio non si erano qualificati per la fase finale e magari l’atleta escluso dal podio era qualificato agli italiani anche se magari erano arrivati alla medaglia d’oro.

Questo concatenarsi di congiunture sfavorevoli è probabilmente dovuto al fatto che anche se è cambiato il criterio per la qualifica non sono cambiate le tipologie delle gare, come detto speed slalom prevede prima due prove libere che ovviamente non avendo la partenza al suono del beep sono sempre molto più veloci e poi prevede un sistema di ko molto più rallentato a causa del tempo di reazione dovuto all’attesa del suono per la partenza e poi non ci sono abbastanza gare.
Così magari un atleta ottiene un ottimo tempo garantendosi la qualifica ai nazionali ma poi per i motivi più svariati non riesce a salire sul podio  e magari chi invece ha ottenuto un tempo non da qualifica vinceva l’oro.
Insomma c’era una discrepanza tra il vincitore della gara e il reale qualificato agli italiani.

Discrepanza  risolta dal consiglio immediatamente.

Saranno così considerati qualificati agli italiani tutti gli atleti che sono saliti sul podio a prescindere dai tempi o dalla percentuale di qualifica prevista per free jump, high jump e speed slalom.
Viste le nuove Norme di Attività 2016 Freestyle – art. 7 punto 3 Prontuario della Attività Agonistica – Criteri di Ammissione dal Campionato Regionale al Campionato Italiano approvate dal C F con delibera n. 19 del 30 gennaio u.s., la CdS Freestyle ha deliberato di aumentare la percentuale degli iscritti al Campionato Italiano 2016 per le discipline Style Slalom Singolo e Battle per tutte le CATEGORIE così articolato:
– Ammissione di tutti gli atleti che hanno conquistato il podio per tutte le Categorie con iscritti fino a 5 atleti ai Campionati Regionali;
– Ammissione del 50% per tutte le Categorie dai 6 atleti in su iscritti ai Campionati Regionali.

Aggiungiamo, anche se in ritardo,  le due ultime nomine per il settore freestyle con i nostri migliori auguri a Enrico e Chiara.

Enrico Paparo con Ulivieri e Quiriconi
Ulivieri Quiriconi Paparo

ROMA 30 GENNAIO 2016
1) Nomina Responsabile Commissione di Settore Tecnico Freestyle
Il Presidente Federale, preso atto delle dimissioni presentate in data 15
dicembre u.s. dal Responsabile della Commissione di Settore Tecnico Freestyle sig. Pierluigi Barlocco, ravvisata la necessità di garantire il regolare
funzionamento della Commissione stessa, valutata la proposta del Referente
della disciplina del Freestyle in seno al consiglio sig. Michele Grandolfo di
nominare quale Responsabile l’attuale Componente sig. Ciro Paparo, sentita la Commissione di Settore, delibera la nomina del sig. Ciro Paparo Responsabile della Commissione di Settore Tecnico Freestyle.

 

2) Integrazione nomine settore Freestyle
Chiara Lualdi Tecnico Federale FreestyleIl Presidente Federale, ravvisata la necessità di incrementare il numero dei
tecnici a disposizione del settore freestyle, su proposta del referente della
disciplina del freestyle in seno al consiglio sig. Michele Grandolfo, esaminato il
relativo curriculum, acquisita la disponibilità dell’ interessata, sentita la
Commissione di Settore, ha deliberato la nomina della sig.ra Chiara Lualdi a
“tecnico a disposizione del settore Freestyle”

 

 

Precedente FIHP - RISULTATI SPEED E BATTLE CAMPIONATO REGIONALE TOSCANO PATTINAGGIO FREESTYLE Successivo ASSEGNATO IL TROFEO "B. TIEZZI " DI PATTINAGGIO FREESTYLE - SI SVOLGERA' IN SICILIA AD ACIREALE DAL 13 AL 16 OTTOBRE

Lascia un commento

*